Incubo cervicale: solo chi ne soffre può capire quanto si stia male

Cervicale
Pubblicato da Redazione

La cervocalgia causata dalla cercivale infiammata è un disturbo che colpisce principalmente le donne e può essere persino invalidante

Coprirsi il collo al minimo soffio di vento, cercare di non mettersi nella posizione sbagliata per poi rischiare di stare male per giorni, evitare di fare qualsiasi cosa che possa peggiorare la situazione: sono solo alcune delle cose che, chi soffre di cervicale cerca di fare per prevenire; perchè curare, davvero, è molto molto difficile. “La cervicale” è un vero e proprio incubo per chi ne soffre e non tutti riescono a capire quello che si prova. I sintomi dell’infiammazione cervicale variano da persona a persona: oltre al dolore nella zona fisica interessata, ci potrebbero essere dei forti mal di testa, una sorta di fuoco e prurito costante che si sente in tutta la zona del cranio; e ancora dolore fortissimo di denti, mal di schiena, vertigini, senso di spossatezza. In casi gravi persino il vomito.

Secondo gli ultimi studi, l’infiammazione cervicale colpisce principalmente le donne, e può arrivare a essere così dolorosa da diventare invalidante. Come tutte le “problematiche” che non si vedono ma si sentono, eccome se si sentono, chi non ha mai avuto questo genere di dolori non può capire cosa si prova e tende a sminuire.

INCUBO CERVICALE: UNA VITA A PROVARE A SPIEGARE I SINTOMI DELLA CERVICALGIA

L’infiammazione alla cervicale può essere causata da svariati fattori come lo stress, l’ansia, lo scarso esercizio fisico, le posture errate, ma anche da traumi derivati da incidenti automobilistici (colpo di frusta) oppure da infortuni derivati dall’attività sportiva. Ed effettivamente la prima volta che vi rivolgerete a un medico vi chiederà che genere di lavoro fate, se avete avuto delle cadute, degli incidenti, se siete persone stressate. Se avete tutti questi “ingredienti” insieme, la frittata sarà fatta!

 Per chi soffre di “cervicale” anche se non è corretto parlare in questi termini, la regione interessata dal dolore e dall’infiammazione, è appunto, la zona cervicale. Quando si parla di cervicalgia, ci si riferisce al dolore localizzato in quest’ultima regione, nota anche sotto il nome di rachide cervicale. È costituita da sette vertebre, che formano l’asse di sostegno del collo e della testa. I dolori e le infiammazioni che coinvolgono quest’area sono principalmente di origine traumatica e possono riguardare le vertebre cervicali, le articolazioni o la muscolatura che le sorregge. Il problema è che per chi ne soffre, il dolore si sposta ben presto anche in altre zone del corpo: fanno male le braccia e le mani, e persino i piedi. Se l’infiammazione persiste e non viene curata nella giusta maniera, può interessare persino tutta la colonna vertebrale.

COME SI PRESENTA LA CERVICALGIA E QUALI SONO I SINTOMI DELLA CERVICALE INFIAMMATA

Non tutte le persone soffrono allo stesso modo. In alcuni casi gli attacchi si presentano una volta all’anno, o magari una volta al mese. Nei casi più gravi anche una volta alla settimana e spesso anche quando variano le condizioni climatiche. I momenti di forte umidità, ad esempio, favoriscono senza dubbio l’aumento dei problemi e peggiorano in alcuni casi, le infiammazioni ( succede anche con parti del corpo che hanno subito dei traumi).

  • La cervicalgia vera e propria, in cui il dolore riguarda principalmente il collo ed è accompagnato da una rigidità muscolare e da una limitata mobilità della zona colpita. In questo senso, è molto simile al torcicollo, al quale si può spesso accomunare.
  • La sindrome cervico-brachiale, nella quale i dolori tendono a irradiarsi alle spalle, alle braccia e talvolta alla mano. La comparsa di formicolii o eccessiva sensibilità agli arti interessati è di solito l’indizio di una compressione anomala dei nervi cervicali. E’ necessario chiedere subito l’aiuto di un esperto.
  • La sindrome cervico-cefalica, che determina la comparsa di cefalea di tipo tensivo oppure emicrania, vertigini, disturbi alla vista o all’udito, nausea e vomito.

COME SI CURA LA CERVICALGIA: NON SOLO FARMACI

Una delle cose principali da fare è prendere coscienza di quello di cui si soffre, adeguarsi, se si può in qualche modo. Se non si può cambiare un lavoro che si svolge si cerca di convivere con l’utilizzo di farmaci, nei casi di infiammazione più forte. Per la cervicalgia sono consigliati farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS): come suggerisce il nome, questi medicinali placano l’infiammazione e riducono il dolore. Un’altra categoria di farmaci utilizzati appartiene alla classe dei cortisonici, prescritti dal medico nei casi più gravi per via dei numerosi effetti collaterali. In ogni caso è sempre necessario essere seguiti da un dottore, se il medico di base non basta, si può contattare un neurologo.

Oltre ai farmaci, sicuramente quello che fa bene sono delle sedute di terapia come quelle da un fisioterapista o da un osteopata. I massaggi sono utili come anche il riequilibrare la giusta postura per evitare cattive posizioni che peggiorano la situazione. Tutto questo funziona solo se il dolore non è di origine infiammatoria o non è originato da artriti o ernie. In questi casi, infatti, i massaggi sono anzi controproducenti.

Vi consigliamo di non arrabbiarvi se le persone intorno a voi non capiranno sin da subito quanta sofferenza ci sia dietro a un attacco improvviso, a un dolore che può spegnervi persino la luce negli occhi. Con il tempo, se la situazione continuerà a essere costante, e vi auguriamo che non lo sia, anche le persone a voi vicine capiranno quando è il momento di spegnere la luce e lasciarvi in silenzio a combattere la vostra battaglia!

Informazioni sull'autore

Redazione

Dopo 10 anni di Ultime Notizie Flash nasce anche UNF DONNA e la Redazione è felice di condividere con lettrici e magari anche lettori, tutto quello che succede intorno all'universo femminile! Donne per le donne. Una Redazione di donne pronte a parlare di problemi, a dare consigli, ad aiutare con il nostro motto: l'universo femminile alla portata di un click.

Lascia un commento

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close