La tiroide non funziona bene, quali sono i campanelli d’allarme

Stefania Longo
Pubblicato da Stefania Longo

Ascoltiamo il nostro corpo, i campanelli d’allarme che potrebbero dirci che la tiroide non funziona bene

Sono tanti i segnali che il nostro corpo ci invia quando la tiroide non funziona bene, è una ghiandola fondamentale e se va in tilt causa malesseri che possono alterare molto la qualità della vita. Conoscere i sintomi, dare ascolto ai campanelli d’allarme del nostro corpo è fondamentale. La tiroide è una piccola ghiandola ma controlla numerose funzioni come il sonno, il battito cardiaco, il funzionamento intestinale, l’appetito, l’umore, la temperatura, il peso corporeo e tanto altro. L’attività della tiroide influenza la maggior parte delle cellule del nostro organismo, semplice intuire che è indispensabile che gli ormoni tiroidei vengano prodotti in quantità adeguate. Vi sarà capito di ascoltare chi ha problemi di peso di lamentare un presunto mal funzionamento della tiroide, questo può essere un campanello d’allarme ma altre volte è solo una scusa di chi non riesce a dimagrire o ingrassare per altri motivi. Il nostro corpo ci parla, l’organismo ci invia messaggi che dobbiamo ascoltare sempre, non solo quando pensiamo di avere problemi di tiroide.

 I SINTOMI CHE CI DICONO CHE LA TIROIDE NON FUNZIONA BENE

Può apparire strano ma l’ansia e il nervosismo immotivati ci devono fare pensare che un controllo alla tiroide andrebbe fatto. Sono sintomi legati all’ipertiroidismo, ovvero quando la preziosa ghiandola produce troppo ormone tiroideo.

La stanchezza è invece un sintomo dell’ipotiroidismo, abbiamo quindi una situazione opposta alla precedente, la tiroide produce poco ormone tiroideo. Si avverte la stanchezza anche appena alzati e senza alcun motivo.

Sia l’ipotiroidismo che l’ipertiroidismo possono far sentire confuso il soggetto che ne soffre, nel primo caso si avrà una difficoltà di concentrazione, nel secondo anche amnesia.

La pelle secca è un campanello d’allarme dell’ipotiroidismo, così come la riduzione della sudorazione.

Non sempre è una scusa ma un notevole aumento di appetito a volte è legato alla tiroide che non svolge il suo lavoro.

Anche la perdita del desiderio è a volte riportata da chi soffre di ipotiroidismo.

Spesso le irregolarità mestruali derivano dall’ipotiroidismo, gli ormoni sono scarsi e il ciclo può essere assente anche per molti mesi così come può presentarsi con un flusso importante con crampi.

I dolori muscolari, i formicolii, gli intorpidimenti che arrivano improvvisi, anche questi possono essere importanti campanelli d’allarme per la tiroide.

Una tiroide iperattiva può farci sudare molto e renderci accaldati quando gli altri hanno freddo. Così come la sensazione di freddo intenso e i brividi sono legati all’ipotiroidismo.

Il colesterolo alto e la pressione alta, entrambi potrebbero essere causati dall’ipotiroidismo.

Altro campanello d’allarme importante è il sonno. Se desideriamo dormire sempre potrebbe essere colpa della tiroide che funziona poco. Se non riusciamo invece a dormire la nostra tiroide magari è iperattiva e associata all’ansia può svegliarci anche in piena notte.

SE NOTIAMO CHE LA TIROIDE E’ INGROSSATA

Informazioni sull'autore

Stefania Longo

Stefania Longo

Ogni giorno mamma, moglie, figlia, amica e redattrice web a caccia di notizie e di emozioni. Dal gossip che non mente alle passioni che mi circondano: da sempre per me scrivere è comunicare.

Lascia un commento

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close