La tiroide ingrossata, quali sono le cause e le conseguenze del gozzo

Stefania Longo
Pubblicato da Stefania Longo

La tiroide ingrossata può essere più o meno evidente, è importante conoscere le cause e le conseguenze

Difficile non notare una tiroide ingrossata quando il suo volume produce il gozzo. La tiroide è una ghiandola situata anteriormente nel collo davanti alla laringe. Un rigonfiamento molto o poco evidente e simmetrico deve fare scattare l’allarme, è sempre necessario individuare le cause quindi le ripercussioni sul nostro organismo, le conseguenze sulla nostra salute. L’ecografia della tiroide può facilmente evidenziare le sue alterazioni, incluso il gozzo. A prescindere dalla natura una tiroide ingrossata viene identificata come gozzo tiroideo e sono numerose le cause possibili. La nostra preziosa ghiandola può aumentare ma solo leggermente per ipertrofia, situazione comune durante la gravidanza; aumenta leggermente anche nella prima metà del ciclo mestruale; in altri casi invece la tiroide ingrossata è un evidente sintomo di alcune malattie.

PERCHE’ LA TIROIDE SI INGROSSA?

Per la corretta sintesi degli ormoni tiroidei c’è un minerale che dovrebbe essere assunto nelle giuste dosi grazie soprattutto all’alimentazione, è lo iodio. Una carenza di iodio associata magari al consumo di alimenti chiamati gozzigeni, come broccoli e cavolfiori, può condurre all’ingrossamento della tiroide. Questo dipende dall’effetto stimolatorio del TSH secreto dall’ipofisi che a causa della carenza di ormoni tiroidei rilascia questo ormone cercando di aumentare l’attività endocrina della tiroide. In questo caso abbiamo un gozzo semplice o gozzo endemico.

Il morbo di Graves è tra le cause più comuni di ingrossamento della tiroide, così come dell’ipertiroidismo dovuto dalla eccessiva sintesi di ormoni tiroidei. In pratica l’attività endocrina della tiroide aumenta e con essa anche il suo volume. 

Più raramente ma anche la tiroidite di Hashimoto, associata invece all’ipotiroidismo, può causare una tiroide ingrossata, questo è dovuto all’effetto compensatorio del TSH. 

L’ecografia può evidenziare dei noduli della tiroide, a volte possiamo individuarli anche con la semplice palpazione. Il più delle volte sono tumori benigni, delle cisti e non danno alcun fastidio, possono essere causa del gozzo multinodulare, possono a volta causare ipertiroidismo.

Anche un singolo nodulo può fare aumentare il volume della tiroide se questo è di grandi dimensioni. 

Aggiungiamo anche le tiroiditi, infiammazioni della ghiandola che aumenta il suo volume a causa dell’accumulo di liquidi.

Raro è il cancro alla tiroide, in questo caso la tiroide appare ingrossata in modo anomalo da un lato e la massa nodulare si presenta particolarmente dura.

Per valutare i problemi legati alla tiroide oltre all’ecografia sono sempre necessari gli esami del sangue per valutare lo stato di salute della ghiandola dopo avere anche riferito i sintomi al medico. Non sempre oltre all’ingrossamento ci sono altri problemi, in questo caso i livelli plasmatici degli ormoni tiroidei risultano normali e il gozzo è definito eutiroideo e si differenzia da quello ipertiroideo e ipotiroideo.

Se l’aumento di volume della ghiandola è contenuto è probabile che l’endocrinologo suggerisca solo di monitorare la situazione senza prescrivere farmaci o trattamenti. Ogni caso deve essere valutato dal medico che potrebbe, oltre a prescrivere i farmaci per trattare l’ipotiroidismo e ipertiroidismo, procedere con la rimozione chirurgica della tiroide.

E’ IMPORTANTE CONOSCERE I SINTOMI DEL MORBO DI HASHIMOTO

Informazioni sull'autore

Stefania Longo

Stefania Longo

Ogni giorno mamma, moglie, figlia, amica e redattrice web a caccia di notizie e di emozioni. Dal gossip che non mente alle passioni che mi circondano: da sempre per me scrivere è comunicare.

Lascia un commento

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close