Cos’è la scuola parentale: i benefici

scuola parentale
Pubblicato da Redazione

Oggi vi parliamo della scuola parentale, ecco di che cosa si tratta

Si parla poco della scuola parentale, ma le famiglie che si avvicinano a questa scelta possibile aumentano. A spiegare nel dettaglio cos’è questa opportunità formativa per bambini e ragazzi ci pensa Cecilia Fazioli, con il libro La scuola parentale. All’interno del volume, l’autrice dà indicazioni legali e amministrativo-burocratiche per capire come costruire e gestire un progetto educativo di scuola parentale, affrontando il percorso in modo corretto. Inoltre, con il termine co-schooling, spiega il paradigma basato sulla dimensione partecipata e partecipativa a questa opportunità formativa. Sul sito Nostrofiglio, Cecilia Fazioli entra nel dettaglio, spiegando cos’è la scuola parentale.

Scuola parentale, cos’è e tutto quello che c’è da sapere

La scuola parentale è un progetto che sta conquistando sempre più strada, sebbene se ne senta parlare ancora poco. Si basa su un gruppo di adulti che decidono di unirsi per realizzare un progetto “in una dimensione comunitaria”. Più nel dettaglio, è una scelta che viene fatta da un “nucleo di persone in grado di identificare e di mettere su carta un progetto educativo con una identità”. A questo, possono aggregarsi anche altre famiglie ed educatori. L’iniziativa, nella maggior parte dei casi, è dei genitori. Non sono tutte uguali le scuole parentali, ognuna è caratterizzata dalle persone che vi prendono parte. Può capitare che i genitori preferiscano delegare la parte educativa a una équipe pedagogica.

Le scuole parentali sono abbastanza diffuse nella scuola materia, ovvero tra genitori che hanno figli tra i 3 e i 5 anni. Ci sono comunque tante nate negli ambiti delle scuole primarie e medie. Ora questo progetto sta iniziando a interessare anche gli istituti superiori. Sono diversi i temi che vengono trattati all’interno di questi gruppi. In particolare, viene posta attenzione su alimentazione, ambiente e salute. Vi è poi “un’educazione esperienziale, che abitua alle connessioni e all’interdisciplinarietà”. Non si basa su un’organizzazione piramidale, dunque si è tutti sullo stesso piano. Si sfrutta anche lo spazio esterno per effettuare percorsi in città, in accordo con i genitori, su proposta del gruppo pedagogico. “Può diventare una scuola di vita”, fa presente l’autrice.

Sono diversi i benefici che si riscontrano attraverso la scuola parentale:

  • ogni persona ha “un suo percorso definito”, che permette di dare identità al progetto e di caratterizzarlo;
  • ci si sostiene reciprocamente;
  • ci si sente “protagonisti di un cambiamento”, in percorsi riguardanti la salute e l’ambiente;
  • ci sono protezione e sicurezza;
  • si impara a dare valore a sé e agli altri;
  • è un ottimo modo per sentirsi “protagonisti della propria genitorialità”;
  • i bambini vengono messi al centro “in modo autentico”;
  • arricchisce “l’offerta educativa di un territorio”.

Informazioni sull'autore

Redazione

Dopo 10 anni di Ultime Notizie Flash nasce anche UNF DONNA e la Redazione è felice di condividere con lettrici e magari anche lettori, tutto quello che succede intorno all'universo femminile! Donne per le donne. Una Redazione di donne pronte a parlare di problemi, a dare consigli, ad aiutare con il nostro motto: l'universo femminile alla portata di un click.

Lascia un commento

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close