Tutto il coraggio delle donne ucraine a 5 giorni dall’inizio della guerra

Pubblicato da Maris Matt

Immagini forti ci arrivano dall’Ucraina. Ecco tutto il coraggio delle donne ucraine a 5 giorni dall’inizio della guerra.

La guerra segna, la guerra unisce. Ne sanno qualcosa, purtroppo, le donne ucraine che a pochi giorni dallo scoppio della guerra con l’invasione della Russia, che si fa largo in Ucraina, hanno già provato sulla loro pelle la paura. La paura per i loro figli, per la famiglia, la paura di non farcela a sopravvivere, la paura del futuro.

In questi primi giorni di guerra, dall’Ucraina ci sono arrivate immagini forti. Immagini di donne che scappano dal loro paese, con poche cose utili e gli occhi rigate dalle lacrime. Donne che prendono per mano i loro bambini, si fanno carico dei loro animali, e fuggono alla ricerca di riparo. Donne che si schierano apertamente contro la guerra, contro Putin.

Tutto il coraggio delle donne ucraine

E’ il caso per esempio di Elena Kovalskaya e Oksana Lyniv, due direttrici d’orchestra di fama internazionale: la prima, russa, attualmente direttrice del Teatro Statale Meyerhold di Mosca, la seconda, ucraina, dirige da poche settimane il Teatro Comunale di Bologna. Sono balzate alla cronaca per essersi apertamente schierate contro Putin e contro le violenze perpetrate ai danni del popolo ucraino in questi primi giorni di guerra. Così come Anastasia Lenna, 25 anni, modella, ex Miss Ucraina, laureata in marketing, che di recente ha postato su Instagram nette prese di posizione contro l’avanzata russa nel suo paese. “Voglio mostrare la forza e il coraggio delle donne ucraine. Non faccio propaganda ma sono nata a Kiev, è la mia città“.

Le donne ucraine hanno coraggio e lo stanno dimostrando. Si sono trovate costrette ad abbandonare le loro case, la lora vita da un momento all’altro. Si sono trovate costrette a rassicurare i loro bimbi piccoli che non capiscono cosa stia succedendo. Si sono trovate a mettere velocemente in valigia qualche vestito e poche cose di valore e cercare di scappare via lontano per salvare il salvabile.

Trovano il sostegno, seppur a distanza, delle loro connazionali. Donne che hanno lasciato l’Ucraina alla ricerca di una vita diversa in un paese lontano, una vita che potesse garantire però sostentamento alla loro famiglia di origine. Soffrono anche loro, seppur da lontano, perché in quell’Ucraina devastata dalla guerra, hanno lasciato mariti, compagni, figli.

Il coraggio è tutto loro, di queste donne che oggi in Italia e nel resto del mondo stanno scendendo in piazza contro la guerra, con striscioni e bandiere pro Ucraina. Hanno paura, lo dichiarano a chi le intervista. Hanno gli occhi gonfi, piene di lacrime, le lacrime di chi sa che niente tornerà più come prima. Ma non si abbattono e vogliono continuare a lottare.

Informazioni sull'autore

Maris Matt

Lascia un commento

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close