Se anche la compagna del molestatore lo giustifica: “E’ un burlone”

caso greta beccaglia
Pubblicato da Filomena Procopio

La compagna del molestatore di Greta lo giustifica in una intervista in cui lo definisce un burlone

A me non interessa fare nomi, dare indicazioni o altro. Interessa però continuare a ribadire un concetto: le donne sono le prime nemiche delle donne. Nessuna solidarietà mai, sempre giustificazioni. Eppure basterebbe una semplice azione: delle scuse. In una società così malata ci si può aspettare davvero di tutto, anche che la compagna di un uomo, accusato di aver molestato una giornalista davanti allo stadio, se ne esca con una intervista dicendo che è un “burlone”. Un burlone si, avete capito bene. Se se un burlone anche a le domani, mentre è alla cassa a fare la spesa, desse una pacca sul sedere? E se un domani un uomo sul bus desse una pacca sul sedere a sua figlia? Ne parlerebbe come di un burlone? E’ davvero assurdo oggi continuare a leggere queste frasi, queste parole. C’è chi continua a dire che Greta paga il fatto di essere bella. C’è chi dice che una pacca sul sedere non è violenza. Sono le stesse persone che poi il 25 novembre condividono sui social le frasi sulla violenza contro le donne. Sono le stesse persone che si indignano poi per un femminicidio ma che non reputano queste sopraffazioni, una violenza. Purtroppo è ormai sempre più spesso si ci rende conto che il problema sta alla base di tutto: è l’educazione. Perchè se io fossi stata la madre di quell’uomo, mi sarei sentita mortificata, avrei pensato di non avergli dato nessun valore. Perchè se io fossi stata la compagna di quell’uomo, vedendo quel gesto, lo avrei lasciato? Forse si? Lo avrei giustificato? Assolutamente no. Avrei denunciato, avrei chiesto scusa anche da parte sua. Perchè mi sari vergognata, avrei provato imbarazzo e mai avrei giustificato, neppure se decine di avvocati mi avessero detto che quella poteva essere la cosa migliore da fare. Manca l’educazione familiare, ma anche la paura di deludere le persone che ci sono accanto. Perchè mancano i valori come il rispetto, l’educazione, la stima. Perchè se una persona vicina a me si permettesse di fare qualcosa di simile, saprebbe che non avrei più la voglia di parlarci, di confrontarmi. Non c’è confronto. Su queste tematiche non ci sono opinioni: c’è la cosa giusta da fare, c’è la cosa sbagliata da condannare. E qui si può solo che condannare.

Informazioni sull'autore

Filomena Procopio

Redattrice web per passione e per lavoro. Una grande storia d'amore con il mondo della scrittura online che non è mai finita! Dal mondo dello spettacolo, al gossip, allo sport: tutto fa notizia!

Lascia un commento

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close